Espansione internazionale Retail: dove aprire e quale gestionale scegliere come compagno di viaggio
espansione internazionale

L’espansione internazionale rappresenta una sfida entusiasmante… tuttavia scegliere il mercato giusto e il Software Gestionale più adatto è fondamentale per il successo di qualsiasi attività. 

Questo articolo offre una guida completa per i Retailer italiani che desiderano esplorare nuove opportunità all’estero, fornendo una panoramica dei mercati globali più promettenti tra cui Francia, Spagna, Germania e Regno Unito. Vedremo le opportunità di crescita in questi paesi e i fattori critici da considerare per inserirsi in modo efficace in nuovi contesti internazionali. Inoltre, esploreremo i vantaggi di scegliere un Software Gestionale che sia compliant alle diverse normative fiscali in atto nei vari paesi.

Usa l’indice degli argomenti per andare alla sezione che ti interessa di più.

Indice argomenti:

  1. Cresce il commercio estero: il Made in Italy conta
  2. 6 validi motivi per espandersi all’estero
  3. Fattori critici da considerare per aprire nuovi punti vendita all’estero
  4. Espansione in Europa: ecco 4 paesi dove aprire i tuoi negozi nel 2024
  5. Il gestionale giusto per un per il tuo piano di espansione Europeo
  6. Una nuova partnership per ampliare la tua espansione 

Cresce il commercio estero: il Made in Italy conta

Dopo un 2023 chiuso con un aumento di circa il 2% nell’export di beni Made in Italy, è stata prevista una crescita media del 3,7% annuo che dovrebbe portare a un valore totale di oltre 700 miliardi di euro entro la fine del 2026, sintomo di come il Retail italiano abbia la voglia di affermarsi non solo in patria ma di espandere i propri confini, con predominanza di aperture di nuovi punti vendita nel food e nel Fashion.

La prevista crescita economica nell’Europa dell’Est influenzerà positivamente le esportazioni italiane, con un incremento stimato tra il 2,3% e il 4,8% nel 2024. Nei due anni successivi, si attende un’ulteriore spinta tra il 2,5% e il 5,6%, in particolare verso la Repubblica Ceca e l’Ungheria.

Il settore tessile e dell’abbigliamento ha registrato un modesto aumento dello 0,7%, trainato principalmente dalla performance positiva degli articoli fashion. Questo dimostra che la domanda di prodotti di alta gamma continua a valorizzare la qualità del Made in Italy, anche in condizioni di mercato difficili.

È indubbio che espandere il proprio business all’estero sia una grande opportunità con numerosi vantaggi per un Retailer, tuttavia è una scelta da fare in modo ponderato senza lasciare nulla al caso. Vediamole qui di seguito.

6 validi motivi per espandersi all’estero

L’espansione internazionale offre numerosi vantaggi per i Retailer che desiderano crescere e prosperare oltre i confini nazionali. 

Ecco sei motivi fondamentali per considerare l’apertura di nuovi negozi all’estero:

  1. Ampliare il tuo pubblico:aprire negozi all’estero ti offre la possibilità di ampliare le opportunità di vendita e il numero di clienti, raggiungendo nuovi mercati. Inoltre, potresti scoprire che i tuoi prodotti o servizi soddisfano bisogni specifici di mercati esteri che non sono completamente coperti dalle offerte locali, creando nuove nicchie di mercato da sfruttare.
  2. Diversificare il rischio: operare in più mercati riduce la dipendenza da un singolo mercato: diversificare geograficamente infatti consente di ridimensionare i rischi associati a fluttuazioni economiche locali, ai cambiamenti nelle normative specifiche, a catastrofi naturali o ad altre emergenze che potrebbero colpire un paese. 
  3. Fare economia di scala: l’espansione internazionale permette di distribuire i costi operativi su un maggior numero di clienti, riducendo così il costo per unità e aumentando l’efficienza operativa.
  4. Influenzare il mercato esistente: un retailer con una presenza internazionale può negoziare condizioni migliori con i fornitori grazie al volume più elevato di acquisti e influenzare le tendenze di consumo in più regioni, utilizzando dati globali per anticipare e guidare le preferenze dei consumatori.
  5. Aumentare la visibilità del tuo brand: un brand riconosciuto globalmente può beneficiare di una reputazione più forte e di una maggiore fiducia da parte dei consumatori. Questa visibilità internazionale può anche facilitare l’entrata in nuovi mercati in futuro e creare opportunità di collaborazione con altre aziende, rafforzando ulteriormente la posizione del tuo brand nel panorama competitivo globale. 
  6. Accesso a Innovazione e Nuove Idee: l’internazionalizzazione porta con sé la possibilità di accedere a nuove idee, prodotti e metodologie che possono migliorare l’offerta del tuo brand e l’efficienza. L’interazione con diversi contesti culturali e commerciali può stimolare l’innovazione e portare a soluzioni più creative che possano soddisfare la tua clientela

Fattori critici da considerare per aprire nuovi punti vendita all’estero

L’espansione internazionale di un brand è un processo complesso che richiede un’attenta pianificazione e monitoraggio di vari fattori critici

Ecco i principali aspetti da considerare:

Analisi del Mercato

  1. Andamento del Mercato Retail: monitorare la crescita e la stabilità del mercato retail nei paesi di interesse. È essenziale capire se il mercato è in espansione, stagnazione o contrazione per valutare le opportunità di ingresso e crescita.
  2. Competizione: analizzare la presenza e la strategia dei principali competitor locali ed internazionali. Identificare eventuali gap di mercato che il brand può colmare.
  3. Scelta Localizzativa: decidere se aprire negozi in centro città, aree periferiche o in aeroporti. Ogni localizzazione offre vantaggi e sfide diverse, ad esempio, i centri città offrono un elevato traffico pedonale locale, mentre gli aeroporti possono sfruttare il traffico internazionale e il fenomeno del Tax Free Shopping.
  4. Flusso di Turismo: valutare il flusso turistico del paese target. Paesi con alti tassi di turismo, come la Francia e la Spagna, possono offrire opportunità significative per il retail, soprattutto nei settori del lusso e del fashion.

Normative e Regolamentazioni

  1. Normative Fiscali: assicurarsi che il software gestionale sia compliant con le normative fiscali locali, inclusa la gestione della fatturazione elettronica e delle tasse.
  2. Regolamentazioni del Settore: verificare le normative specifiche del settore retail, inclusi i requisiti di licenza, le norme di etichettatura e le regolamentazioni sui prodotti.
  3. Normative sul Lavoro: considerare le leggi sul lavoro e le norme sindacali del paese target per garantire la conformità nelle assunzioni e nella gestione del personale.

Strategie di Marketing e Comunicazione

  1. Adattamento Culturale: adattare le strategie di marketing alle specificità culturali del mercato locale. Questo include la comunicazione del brand, la pubblicità e le promozioni.
  2. Canali di Distribuzione: valutare i canali di distribuzione più efficaci per raggiungere il target di mercato. Questo può includere negozi fisici, eCommerce e partnership con retailer locali.

Differenze Culturali

  1. Comprendere la Cultura Locale: studiare le tradizioni, i valori e le preferenze culturali del mercato target. Adattare il branding e il marketing per risuonare con il pubblico locale.
  2. Comunicazione Culturale: essere consapevoli delle differenze linguistiche e di comunicazione. Assicurarsi che tutti i messaggi siano culturalmente appropriati e ben ricevuti.

Target di Mercato

  1. Identificazione del Target: definire chiaramente il segmento di mercato che il brand intende raggiungere nel nuovo paese. Analizzare demografia, comportamento d’acquisto e preferenze del target locale.
  2. Personalizzazione dell’Offerta: adattare i prodotti e i servizi per soddisfare le esigenze e le aspettative del target di mercato locale, offrendo un’esperienza personalizzata.

Logistica e Supply Chain

  1. Gestione della Supply Chain: ottimizzare la supply chain per ridurre i tempi di consegna e i costi logistici. Considerare l’ubicazione dei magazzini e la logistica di trasporto.
  2. Infrastrutture: verificare la qualità delle infrastrutture locali, inclusi trasporti, magazzini e sistemi di comunicazione.

Risorse Umane e Gestione del Personale

  1. Reclutamento e Formazione: pianificare il reclutamento e la formazione del personale locale, assicurandosi che siano allineati con i valori e le strategie del brand.
  2. Management Locale: considerare la possibilità di impiegare un management locale che conosca bene il mercato e la cultura del paese target.

Tecnologia e Innovazione

  1. Software Gestionale: utilizzare un software gestionale che supporti le operazioni internazionali e sia in grado di integrare diverse funzionalità necessarie per il nuovo mercato.
  2. Innovazione: monitorare le tendenze tecnologiche locali per adattare e migliorare l’offerta del brand.

Finanziamenti e Budget

  1. Pianificazione Finanziaria: preparare un solido piano finanziario che copra tutti i costi di espansione, inclusi investimenti iniziali, operazioni quotidiane e promozioni di marketing.
  2. Fonti di Finanziamento: esplorare diverse fonti di finanziamento, inclusi investimenti esterni, partnership e sovvenzioni locali.

Customer Experience

  1. Studio del Cliente: analizzare il comportamento dei consumatori locali per adattare l’offerta del brand alle loro esigenze e preferenze.
  2. Servizio Clienti: implementare un sistema di servizio clienti efficace e multicanale per rispondere rapidamente alle esigenze dei nuovi clienti.

Monitoraggio e Valutazione

  1. KPI e Metriche di Successo: stabilire Key Performance Indicators (KPI) per monitorare il successo dell’espansione. Questi possono includere vendite, penetrazione del mercato, soddisfazione del cliente e ritorno sull’investimento.
  2. Feedback e Adattamento: raccogliere feedback continuo dai clienti e dai partner locali per adattare rapidamente le strategie e migliorare le operazioni.

Espansione in Europa: ecco 4 paesi dove aprire i tuoi negozi nel 2024

1. Francia

l più grande paese dell’unione Europea si rivela un mercato più che profittevole per il business Retail. Continua ad essere un mercato importante, con una crescita del PIL del 2,1% nel 2023 e Parigi, riconosciuta a livello mondiale come patria della moda (soprattutto per il segmento del Luxury) rimane un polo attrattivo per il Retail di lusso. Inoltre la Francia è il paese più visitato dai turisti di tutto il mondo, con ben 89 milioni di turisti l’anno. Nel 2023, la Francia ha avuto una stagione turistica straordinaria, attirando 100 milioni di visitatori internazionali e generando entrate pari a 63,5 miliardi di euro (Travel Quotidiano).

2. Spagna

Attenendoci alla fonte del Fondo Monetario Internazionale, l’economia spagnola è un grande trampolino di lancio per chi vuole sviluppare business internazionale. Sono già molti i Brand italiani che hanno colto la palla al balzo. Nel 2023, la Spagna ha ricevuto oltre 84 milioni di turisti (superando i livelli record registrati nel 2019) spesa totale di più di 108.000 milioni di euro. Il mercato del Retail spagnolo è molto dinamico e diversificato: città come Madrid, Barcellona e Valencia sono centri nevralgici per il commercio al dettaglio, con un’alta concentrazione di consumatori e turisti. Secondo uno studio di Global Data lo stato spagnolo sta mostrando una solida espansione nel mercato Retail, con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) previsto del 2% dal 2022 al 2027: nel 2022 ha raggiunto un valore di ben 253,2 miliardi di euro e settori come alimentari, abbigliamento e elettronica continuano a espandersi​.

3. Germania

La Germania si classifica come il sesto mercato eCommerce più grande a livello globale, con un fatturato previsto di 119,76 miliardi di dollari nel 2024. Il mercato è destinato a crescere ulteriormente, con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 4,6% fino al 2028, raggiungendo un volume di 143,50 miliardi di dollari (ECDB). Con un mercato Retail solido e ben sviluppato, un’ alta densità di popolazione e un elevato potere d’acquisto dei consumatori, la Germania offre ai retailers italiani un’opportunità d’oro per l’espansione delle loro attività.

4. Regno Unito

Il mercato eCommerce del Regno Unito rappresenta il 30% del totale delle vendite al dettaglio, con un aumento annuale (CAGR) dell’8,4% dal 2023 al 2027, e si prevede che raggiungerà i 230.356,7 milioni di dollari entro il 2027 (investingstrategy). La popolazione britannica rimane una delle più alto-spendenti in Europa, soprattutto per quanto riguarda i beni di consumo e l’abbigliamento (Moneyzine). 

Il gestionale giusto per un per il tuo piano di espansione internazionale

Esistono molti Software Gestionali per il Retail che ti potrebbero aiutare nella tua espansione internazionale, tuttavia ciò che fa davvero la differenza è la professionalità di chi offre il servizio. La capacità di gestire mercati con leggi e fiscalità diverse e la fiducia riposta nelle competenze dell’azienda fornitrice del software sono fondamentali per il successo.

Se hai deciso di approdare all’estero ma non sai a chi rivolgerti, contattaci e parla con un nostro esperto per scoprire le fiscalità già coperte e quelle in roadmap nel nostro Gestionale Retail 4WS. Abbiamo già aiutato molti Retailer come te nelle loro aperture in paesi Europei. Infatti, ad oggi, il nostro Software copre: Spagna, Svizzera, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, UK, Irlanda e Austria. Da Giugno 2024: Slovacchia e Germania.

Una nuova partnership per assicurare la tua espansione 

A partire dal 2024, siamo partner ufficiali di Efsta, un’azienda leader nella fiscalizzazione con sede in Germania e Austria. Efsta è specializzata nell’invio dei corrispettivi telematici in 16 paesi europei attraverso un’unica API. Con il loro prodotto EFR (Registro Fiscale Elettronico) integrato nei sistemi di cassa, garantisce la conformità fiscale nel paese scelto per l’apertura del negozio, permettendo l’integrazione dello scontrino digitale e della fatturazione elettronica.

Questa partnership rappresenta solo l’inizio di un piano di crescita che vedrà 4WS espandersi in molti altri paesi europei in futuro, offrendo nuove opportunità di espansione per i tuoi negozi nella totale sicurezza di essere conformi alle normative vigenti.

Visita il sito di Efsta per scoprire i 16 paesi coperti dalla soluzione, con ricevuta digitale e fatturazione elettronica. Se necessario, potrai richiedere l’integrazione delle fiscalità in 4WS.

Il tuo partner per aprire nuovi punti vendita in Europa

Se hai deciso di aprire nuovi negozi all’estero ma non hai le competenze tecniche o il Software giusto per farlo, contattaci e parla con uno dei nostri esperti. Scopri come il nostro Gestionale Retail può aiutarti a gestire mercati con normative fiscali differenti, assicurandoti una transizione senza difficoltà. 

Iscriviti alla Newsletter Retail

Unisciti alla nostra community e ricevi ogni mese le ultime notizie, tendenze e innovazioni direttamente nella tua casella di posta.

  • Aggiornamenti sulle ultime novità tech
  • Guide e consigli dai nostri esperti
  • Tendenze di mercato, report e ricerche
  • Contenuto a sorpresa per i nostri iscritti
  • Clicca qui per vedere un esempio di newsletter

Chi siamo

Sinesy è una Software House italiana specializzata nel settore Retail. I nostri blog e le nostre risorse gratuite come articoli e report vengono letti ogni anno da più di 50.000 professionisti del settore.

Compila il Form

Compila il modulo e iscriviti alla nostra Newsletter. Ricorda che i campi con l’asterisco (*) sono obbligatori.

Chi siamo

Sinesy è una Software House italiana specializzata nel settore Retail. I nostri blog e le nostre risorse gratuite come articoli e report vengono letti ogni anno da più di 50.000 professionisti del settore.